Garante diritti persone private della libertà

Monica Cristina Gallo è stata scelta per ricoprire il ruolo di garante delle persone private della libertà.

Da parecchi anni impegnata a favore delle donne detenute della Casa Circondariale Lorusso e Cutugno, ideatrice di progetti innovativi a sostegno dei diritti dei detenuti, proseguirà il lavoro svolto da Mariapia Brunato che ha esercitato il ruolo di garante per dieci anni.

“I detenuti chiedono di essere ascoltati e riconosciuti, credo che questa metodologia di dialogo rientri in quei percorsi in grado di responsabilizzare maggiormente i detenuti, e sia utile per contrastare il percorso di infantilizzazione che spesso inizia con la carcerazione.

La realtà della detenzione non dovrebbe rappresentare un isolamento sociale, ma un periodo di passaggio, un tempo per lavorare insieme verso la reintegrazione e la riaccoglienza, mediante azioni concrete per far fronte alle necessità della popolazione detenuta, anche attraverso percorsi di mediazione sociale.”